venerdì 31 ottobre 2014

9 Camerette In Stile Provenzale

Lo stile provenzale mi fa pensare ad una casa in campagna, al profumo di lavanda, ad un campo di grano mosso da un tiepido venticello primaverile... ai colori pastello, alla calma e alla quiete. 

Uno stile che fino ad ora non avevo mai considerato per la mia casa ma che sinceramente mi affascina sempre di più. 
Adoro le cucine un po' country, le camere da letto romantiche, i bagni decorati con dettagli delicati e colori pastello. Mi piace la sensazione di entrare in un appartamento che dia una sensazione di relax, ma allo stesso tempo di stile e cura dei dettagli.

Ecco perché ho pensato: "se volessi iniziare ad introdurre questo stile nella mia casa, da dove potrei cominciare?" e la risposta mi è arrivata subito... dalla cameretta dei bambini!

Le camerette dei bambini sono ambienti ideali per l'applicazione dello stile provenzale: i colori pastello si sposano perfettamente con i gusti dell'infanzia e le linee eleganti e delicate conferiscono all'ambiente un aspetto rilassante e tranquillo, che fa sempre bene ai piccoli. 

Senza esagerare (perché si rischia di sfociare nel pomposo), è possibile realizzare ambienti confortevoli e chic con pochi dettagli.
Intanto, facciamoci ispirare da queste stanzette e vediamo quali spunti possiamo prendere in considerazione e quali no.

SI: ai colori neutri come l'avorio e il tortora, alle linee semplici e morbide dell'armadio e della libreria, al letto chic e al comodino coordinato con il romantico lumino.
NO: ai disegni sul muro, che potrebbero stancare e che comunque rappresentano l'unico elemento che si discosta dalla semplicità della camera.

SI: alla scrivania/libreria comoda ed elegante e alle scelte cromatiche che, nonostante siano piuttosto accese, non infastidiscono.
NO: a mio avviso sostituirei il parato rosa antico con una tonalità pastello, quindi più chiara. 

SI: ai colori celeste e giallo ocra insieme. Il celeste è tipicamente un colore "freddo", ma accanto a questa tonalità di giallo la camera risulta essere molto calda ed accogliente. Bellissima anche l'armadiatura che incornicia il letto e la nicchia creata per la scrivania di fronte la finestra.
NO: ai tendaggi sopra al letto che "appesantiscono" un po' la struttura e nascondono parte dell'elegante parato a righe celesti.

SI: perfetta per due gemelle o sorelle, questa cameretta offre ad entrambe le bimbe gli stessi spazi. Si alle linee semplici e delicate e ai dettagli lilla dove però preponderante è il color crema.
NO: Nessun no per questa stanza che è studiata perfettamente in ogni dettaglio e che, nonostante ospiti due bambine, non è troppo ricca di particolari che avrebbero altrimenti soffocato lo spazio.

SI: deliziosa questa stanza che in realtà utilizza mobili molto semplici e lineari ma si arricchisce grazie ai dettagli cromatici del letto, in linea con le tende e la base delle mura.
NO: forse solo al tappeto verde, che stona un pò. Avere due colori preponderanti all'interno di una stanza è già abbastanza per darle una forte personalità, un terzo colore potrebbe distogliere l'attenzione dal gusto coordinato che rende questa camera così speciale.

SI: molto chic questa soluzione per una stanza a due. I dettagli in ferro battuto sono meravigliosi, così come le tendine bianche che danno una certa "privacy" al letto superiore. Giallo e arancione insieme rendono questa camera allegra e solare, adatta sia a due maschietti che a due femminucce.
NO: forse la scala è un po' ingombrante... ma è troppo bella per essere eliminata!

SI: molto romantica anche questa camera, adatta alle bimbe un po' più grandi. Adorabile l'angolo scrivania.
NO: al letto e al comodino staccati dalla parete, che in questo modo occupano maggiormente lo spazio centrale della stanza.

SI: che dire di questa stanza particolarissima? La nicchia creata per il letto, le due porticine ai lati, le assi di legno per il pavimento, fanno pensare ad una barca. 
NO: alla tappezzeria della poltrona coordinata alle tende del letto, che potrebbe stancare. Personalmente la preferirei di una semplice tinta unita azzurra, o al massimo andrei per delle righe o dei pois. 

SI: al parato per metà a strisce e per metà total white e al baldacchino che rende la stanza molto delicata.
NO: nessun no. Tutto sembra al suo posto e le tinte tenui non rendono troppo pomposa la stanza.

E voi cosa ne pensate? Siete pronte a rivoluzionare la cameretta dei vostri bimbi?





giovedì 30 ottobre 2014

Pillola di Relax: Come Diminuire Lo Stress e Diffondere La Pace


Siamo in continuo movimento, la vita ci porta a correre da una parte all'altra, ad affannarci per raggiungere ogni volta un obiettivo diverso o risultati migliori.
Una carriera brillante, una certa posizione economica, una laurea entro i tempi, un fisico perfetto, una promozione, un conto in banca più alto, arrivare a risparmiare una certa somma per permettersi un mutuo... e così via.
E la maggior parte delle volte, raggiungere questi obiettivi significa intraprendere un percorso affannoso e quindi pieno di preoccupazioni e di stress.

Non me ne ero mai resa REALMENTE conto fino a quando, con la gravidanza, ho dovuto per forza di cose staccare la spina... ho dovuto lasciare il lavoro, cambiare casa (dal centro alla periferia), e rallentare i ritmi di vita. 
Ho avuto tanto tempo per riflettere sul mondo che avrei voluto per mio figlio e la conclusione è stata: un mondo in cui la gente sia portatrice di pace, in cui non si respiri stress, insoddisfazione, nervosismo, preoccupazione, rabbia, frenesia... come invece sta accadendo negli ultimi tempi.

Certo, la situazione economica attuale non aiuta, ma è proprio l'indole delle persone che negli anni è andata peggiorando. 
Ho cominciato ad accorgermi che le persone portano lo stress dentro sé stesse e lo scaricano sugli altri appena possono: alla fermata dell'autobus quando imprecano perché il bus non arriva, in fila alla posta quando si arrabbiano perché i funzionari sono troppo lenti, al parcheggio quando litigano con qualcuno per un posto che avevano visto per primi. E ancora... al supermercato, in macchina, in ufficio, in taxi, camminando per strada, e potrei continuare all'infinito.
In questo modo la rabbia arriva alle altre persone, si moltiplica ed investe il mondo intero quasi come una malattia contagiosa.

Quante volte invece un atto caritatevole, un sorriso, una generosità verso qualcuno ci ha reso più felici e fieri, perché ha migliorato (anche se per poco) la vita di qualcun altro?

Sono profondamente convinta che il mondo possa cambiare con l'AMORE e la PACE. 
Se ognuno di noi fosse meno stressato, porterebbe meno esasperazione ed isterismo in giro, migliorando non solo la propria vita, ma anche quella degli altri.
Invece di urlare, si parlerebbe con calma; invece di spintonare per arrivare primi, si farebbe passare con gentilezza il nostro vicino; invece di mandare a quel paese, si farebbe un sorriso; invece di imprecare contro il mondo intero, si canterebbe.

Da dove cominciare quindi per essere meno stressati? Ecco qualche piccolo consiglio:

1) ANDARE PIU' PIANO
La fretta è una delle cause principali dell'agitazione. Se siamo in ritardo, ci innervosisce qualsiasi cosa ci faccia perder tempo: la vecchietta che attraversa lentamente la strada, l'autobus che si ferma ad ogni fermata, il traffico che si forma per un incidente, e così via. 
Tutte le persone che intralciano il nostro cammino però non hanno alcuna colpa. 
Ed avete notato che quanto più siamo in ritardo, tanto più si moltiplicano gli imprevisti? Dimostrazione del fatto che lo stress che provate si diffonde nel mondo e vi ritorna indietro in maniera amplificata.
Partite con più anticipo, non accavallate gli impegni e non incastrate gli appuntamenti. Vi porterà solo stress. Meglio fare meno cose in una giornata, ma in modo più sereno.

2) BLOCCARE LA RABBIA ALTRUI:
Se siamo in macchina e qualcuno ci suona il clacson freneticamente perché è scattato il verde e noi non siamo partiti all'istante, cerchiamo di non arrabbiarci mandandolo a quel paese. Blocchiamo la sua isteria, non la diffondiamo giocando al suo stesso gioco. Facciamogli un cenno di scusa, sorridiamogli ed andiamo avanti per la nostra strada. 
Magari questo lo sorprenderà o forse non gli cambierà nulla, ma noi avremo sicuramente evitato di stressarci inutilmente e soprattutto non avremo diffuso la sua rabbia.

3) DEDICARE PIU' TEMPO A SE' STESSI:
Al giorno d'oggi non è facile, ma è sempre più necessario. 
Prendersi del tempo per rilassarsi con un bagno caldo, una lezione di yoga, una corsetta al parco, un riposino pomeridiano (per chi se lo può permettere), ascoltando della musica classica... fermarsi un attimo, in qualsiasi modo si voglia, per recuperare le energie mentali e fisiche.
In questo modo migliora la propria vita, il modo di approcciarsi agli altri e di conseguenza migliora anche la vita degli altri.

Avevo un capo che era perennemente di corsa, stressato e isterico. Si rivolgeva ai suoi dipendenti in modo arrogante e a volte anche maleducato, perché "non aveva tempo per fare giri di parole". 
Tutti in quell'ufficio, me compresa, erano terrorizzati dal suo modo di fare, non sapevano mai come avrebbe reagito e spesso evitavano il confronto per paura di avere un urlo di rimando. Sapeva solo correggere e rimproverare, mai lodare per un lavoro ben realizzato, perché pensava che altrimenti ci saremmo adagiati. 
Lui non aveva rispetto per noi e di conseguenza noi non nutrivamo stima per lui.
Come credete si lavorasse in quell'ufficio? Quante persone credete siano andate via in un anno? 

Visto in prospettiva, quell'ufficio è una miniatura del mondo. In un ambiente non sano, non si vive bene. In un mondo frenetico, crescono generazioni frenetiche. 

Iniziamo ad abbassare i toni, a rilassarci e a provare a vivere in modo più sereno. La nostra pace arriverà agli altri e forse (anzi, azzarderei un "sicuramente") così vivremo in un mondo migliore.

mercoledì 29 ottobre 2014

Cena di Halloween

Ebbene si... siamo già ad Halloween!! 
Le festività scandiscono un po' il passare del tempo, non è vero? Ci si rende conto di come vola quando ne festeggi una ma ti sembrava di aver appena archiviato la precedente. 

A parte questo dettaglio, ADORO le feste comandate. Per milioni di motivi. Perché sono una tradizione, perché riuniscono amici e parenti, perché portano gioia ai bimbi e quindi a tutta la famiglia e infine perché rendono speciali ed uniche delle giornate altrimenti uguali a tutte le altre dell'anno.

Se per Halloween avete in mente di fare una cena tra amici, ma non avete voglia di passare tutto il pomeriggio in cucina o semplicemente non avete tempo a sufficienza per realizzare cose troppo elaborate, vi propongo il mio menù. Semplice, buono, facile da realizzare e di sicuro successo. Ingrediente principale: la compagnia dei vostri amici.

ANTIPASTI: 

Caprese di Halloween
Ingredienti per 6 persone:
- Basilico q.b.
- 500 gr di Bocconcini di Mozzarella
- Olive verdi denocciolate
- 500 gr di Pomodorini
Preparazione:
Adagiate le foglie di basilico (opportunamente lavate) sul piatto da portata e realizzate gli strati superiori secondo quest'ordine: mezzo pomodorino, mezzo bocconcino, mezza oliva.
Un filo d'olio e la ricetta è pronta! Semplicissima ma buonissima.



Uova-Ragno
Ingredienti per 6 persone:
- 6 Uova
- Olive nere denocciolate
Preparazione:
Fate bollire le uova fino a renderle sode e una volta raffreddate, togliete il guscio e tagliatele a metà. Infine adagiate mezza oliva nera al centro per creare il corpo del ragno e piccole fettine per le zampette. Et voilà!
Consiglio: create una salsa rosa da accompagnare alle uova, mischiando maionese e ketchup come preferite.



PRIMO:
Risotto zucca e gorgonzola
Ingredienti per 6 persone:
- 450 gr di Riso
- Zucca (una intera)
- Gorgonzola (una confezione)
- 3 spicchi d'Aglio
- Olio q.b.
- Sale q.b.
- Prezzemolo q.b.
Preparazione:
Cercate di tagliare la zucca come in foto, andando poi a scavare l'interno che servirà da condimento al risotto.
Fate soffriggere l'aglio in un pò d'olio all'interno di una pentola capiente e successivamente aggiungete i cubetti di zucca. Fate cuocere a fuoco medio-basso, col coperchio, per circa mezz'ora o comunque il tempo necessario affinché la zucca sia morbida (dipende dalla grandezza dei cubetti, quindi controllate con una forchetta). Se notate che si sta attaccando al fondo della pentola, aggiungete un po' d'acqua e girate. Infine salate.
In un pentolino a parte fate bollire il riso in acqua salata, fino a raggiungere metà cottura. Quindi scolate ma conservatene l'acqua. Unite il riso alla zucca e continuate fino ad ultimare la cottura. Aggiungete un po' di acqua di cottura se vedete che il risotto si secca troppo.
Spegnete il fuoco ed aggiungete i cubetti di gorgonzola ed il prezzemolo tritato. Girate fino a vedere che il formaggio si scioglie leggermente ma non troppo.
Presentate il risotto all'interno della zucca, in questo modo farete un figurone con un piatto super semplice!

SECONDO:
Polpettone stregato
Ingredienti per 6 persone:
- 600 gr di Carne macinata
- 6 Uova
- Latte
- 3 fette di Pane casareccio
- Provola (a piacere)
- Dadini di prosciutto cotto (due confezioni) (oppure 4 wurstel)
- 6 Patate
- Sale q.b.
Preparazione:
Ho scelto il polpettone perché la sua composizione permette di creare qualsiasi tipo di forma, basta un po' di fantasia. Preparatelo in modo tradizionale e poi dategli la forma di una mano mozzata ad esempio, o quella di una tomba, se vi sembra più semplice.
Bagnate il pane nel latte finché non si inzuppi completamente e poi riducetelo a brandelli in una ciotola a cui aggiungerete le uova, la carne macinata, i cubetti di cotto (o i wurstel tagliati a rondelle), dadini di provola e un pizzico di sale. Lavorate con le mani fino ad ottenere un composto compatto e create la forma desiderata.
Ponete in una teglia e contornate di patate tagliate a tocchetti mediamente sottili. Infornate a 200 gradi per circa mezz'ora (anche qui, controllate sempre personalmente perché in base alla forma del polpettone ci potrebbe mettere più o meno tempo a cuocersi).
Il risultato finale potrebbe somigliare a qualcosa del genere.


Per quanto riguarda il dolce, mi dispiace deludervi ma devo confessarvi che così come amo cucinare pietanze salate (e mi riesce pure bene, modestia a parte), non amo preparare i dessert (e le volte che ci ho provato ho anche fallito). Quindi in questo caso sarei per un acquisto in pasticceria! :) 
O, ancora meglio, fate in modo che se ne occupino i vostri ospiti!

Infine, ecco qualche ispirazione per la tavola. Ce n'è per tutti i gusti, ma il minimo comune denominatore è la variante cromatica: rigorosamente arancione e nero!
Buon Halloween a tutti!!






martedì 28 ottobre 2014

Cosa NON Deve Mancare Nel Guardaroba Autunno-Inverno 2015

Le mode vanno e vengono... ritornano dagli anni passati e poi di nuovo spariscono via e diventa di tendenza la moda opposta.

In 32 anni di vita ho visto il trionfo della zampa d'elefante poi tristemente battuta dal pantalone a sigaretta, la vittoria della vita alta, poi di quella bassa (anche bassissima) e infine di nuovo di quella alta, dell'ombelico scoperto e poi rigorosamente coperto a favore però di generose scollature, degli stivali appuntiti, poi a punta tonda e infine una via di mezzo. Quante giacche "si sono portate" negli inverni della mia vita... ricordo il chiodo e il famosissimo Barbour (che se non ce l'avevi eri assolutamente out). 
Quando sei adolescente seguire la moda è praticamente un obbligo, tanto che distaccarsene a volte può significare rimanere emarginati dal giro di amicizie.

Solo quando superi quella fase, ecco che nell'armadio cominciano a farsi spazio capi intramontabili, quelli che sono al di sopra delle mode del momento, quelli che rimarranno sempre attuali, le pietre miliari del fashion, dal gusto classico.
Vediamoli un pò e scopriamo se il vostro guardaroba invernale è a posto o necessita di qualche integrazione!!

- MAGLIA IN CASHMERE. Bellissima se a collo alto, con scollo a V, ma anche nei tagli più originali, questo capo non morirà mai. E' caldo, di ottima qualità e molto bon ton con il suo classico motivo a treccia. In centro a Milano ne ho visti di tutti i colori, anche pastello e sono deliziosi. Va bene per il lavoro, sopra ad un jeans, per una passeggiata in centro, ma anche per una cena con gli amici se ci abbinate una bella collana e una giacchetta trendy.


- TUBINO NERO. Qui non c'è bisogno di spiegazioni, bisogna averlo, punto. E' eleganza, sobrietà, raffinatezza, rende la donna sexy e mai volgare. Tutte le case di moda ne propongono una propria versione ogni anno, quindi se ancora non l'avete... provvedete! La versione blu è anche molto elegante e permette di variare dal solito nero (occhio alle scarpe che ci abbinate però!) mentre quella rossa è un po' più aggressiva ed è perfetta per attirare l'attenzione.


- CAMICIA, TAGLIO CLASSICO. Stavo per aggiungere l'aggettivo "bianca" ma poi ho pensato che in fondo il colore non conta. La camicia ultimamente sta cedendo il passo alle maglie in cotone (ed io devo ammettere essere la prima a servirmene) perché queste ultime sono più comode sotto ai maglioni. Com'è bello però veder spuntare sotto ad un pullover il colletto di una camicia, piuttosto che il girocollo di una t-shirt... è molto più chic, diciamoci la verità.


- PELLICCIA. Ce l'avevano la mia bisnonna, mia nonna e mia mamma e scommetto che anche tutte le generazioni prima di voi ne possedevano una. Adesso ne fanno di tantissimi modelli e colori e (volendo) tutti rigorosamente sintetici... anche se non sembra! E' questo il bello delle pellicce di oggi rispetto a quelle di una volta: non si sacrificano gli animali! Un punto in più per questo capo che ne ha già tanti dalla sua parte.


- TAILLEUR. Ideale per un colloquio o riunioni di lavoro ma adatto anche a cerimonie formali come una cresima o una comunione. Abbinando il completo ad una borsa un po'  particolare si farà un figurone! 



- DECOLLETE'. Si pronuncia "Decoltè" ed è la scarpa classica che una donna può usare in milioni di occasioni. E' perfetta sotto un jeans o una gonna, abbinata ad un tailleur e al tubino. Sta bene sempre, sta bene ovunque. Di camoscio, in pelle o in vernice, di qualsiasi colore voi vogliate, arricchita dal plateau o col semplice tacco a spillo, open toe o chiusa... è il simbolo della femminilità e rende le gambe bellissime, anche a chi perfette non le ha.



- VESTITINO IN LANA. Per variare un pò, invece del solito maglione e pantaloni, un vestitino in lana taglio classico, abbinato a calze o leggins particolari, fa sempre il suo effetto. E' un capo di ultima generazione, nel senso che ha fatto il suo ingresso non troppi anni fa, ma la sua versatilità lo fa entrare a pieno titolo nella classifica.


Adoro i capi di tendenza, ma credo che a volte per essere belle ed adeguate in ogni occasione basterebbe indossare un capo evergreen. La moda passa, infatti, ma il capo classico resta. E soprattutto, risponde perfettamente alla domanda che tutte noi ci facciamo prima di uscire, davanti l'armadio: "che cosa mi metto?".
Ecco perché nel mio guardaroba, accanto a qualche capo di tendenza, ne ho tanti altri intramontabili!


lunedì 27 ottobre 2014

La Tua Spa a Casa

Alzi la mano chi non ama andare alla spa! Chi non vorrebbe, almeno una volta a settimana, un massaggio rilassante, immergersi in una calda vasca termale, farsi coccolare da mani esperte che si prendano cura di mente e corpo, mentre tutto lo stress scivola via cedendo il posto ad un profondo senso di beatitudine?


Andare nei centri benessere però non è una cosa che solitamente si fa ogni settimana, ed è un vero peccato, diciamoci la verità. Ecco perché ho pensato che tutte le donne dovrebbero avere una spa a casa, un piccolo angolo di paradiso facile da raggiungere (perché è nel proprio bagno), che costi poco (perché prevede l'utilizzo di ingredienti naturali che avete già in cucina) ma che, proprio come un vero centro benessere, rilassi la mente, dia benefici al corpo ed elimini lo stress.



1. BAGNO RELAX:

Siamo donne: abbiamo una casa da mandare avanti, i figli da educare e da seguire, un marito da coccolare e magari un lavoro che ci impegna gran parte della giornata. Un bagno rilassante alla sera è un nostro diritto inalienabile. Quando la famiglia è stata sfamata, i ragazzi sono a letto, la cucina è pulita ed il marito sta guardando il suo film preferito... quello è il nostro momento. 
Rendiamolo speciale così: musica classica o chill out in sottofondo, luci spente, qualche candela profumata a bordo vasca (o in posti strategici del bagno se avete paura di bruciarvi!).
Nell'acqua calda aggiungiamo qualche cucchiaio di sale marino o di bicarbonato di sodio, che hanno proprietà drenanti, detergenti e purificanti, qualche goccia di olio essenziale di lavanda, che aiuta il rilassamento, qualche goccia di olio di cocco, che ammorbidisce la pelle e la idrata. Infine, potete scegliere di aggiungere del latte: l’acido lattico aiuta a rimuovere le cellule morte e lenisce la pelle irritata. 
Provate a ritagliarvi 20 minuti, una sera a settimana, per questo trattamento e vedrete come la vostra pelle resterà morbida nonostante l'avvicinarsi dei freddi mesi invernali che solitamente tendono a seccarla.



2. SCRUB CORPO:

Provate questa semplicissima ricetta: unite al fondo del caffè rimasto nella caffettiera, un po' di zucchero di canna e dell'olio d'oliva in modo da avere una pasta uniforme. Et voilà... uno scrub naturale che elimina delicatamente le cellule morte! Il profumo è buonissimo, ma se non siete amanti del caffè potete sostituire il mix precedente con quest'altro: succo d'arancia rossa, olio di cocco, bicarbonato di sodio e zucchero di canna. E vedrete che morbidezza!



3. SCRUB VISO:

Lo sapevate che l'ananas è una meravigliosa fonte di antiossidanti, è ricco di vitamina C e di potassio? Perfetto da applicare sulla pelle per eliminare le impurità e l'eccesso di sebo e infine per aiutarla ad essere più pulita e luminosa. Mettete qualche fetta in un mixer per creare una polpa non troppo liquida, mischiatela con dello zucchero di canna e qualche goccia di olio di argan. Ecco a voi un fantastico e profumatissimo scrub per il viso!



4. MASCHERA RISTRUTTURANTE PER CAPELLI:

Sia che voi abbiate la cute grassa o secca, di sicuro alle lunghezze vostri capelli (ed ancor di più alle punte) non dispiacerebbe un bell'impacco ristrutturante. Per ridurre le doppie punte, rafforzare i fusti e rendere la chioma più forte e lucida. 
Unite a mezzo avocado, 2 uova intere, un cucchiaio di miele ed uno di olio d'oliva. Mischiate tutto insieme ed applicate sui capelli umidi e ancora sporchi per 20 minuti. Durante il tempo di posa i capelli dovrebbero essere raccolti con una molletta e coperti da una cuffia per doccia (come quelle che vi danno negli hotel) in modo che le proprietà agiscano ancora meglio. Quindi, risciacquate e lavate i capelli. 
Nota: chi ha capelli fini o una capigliatura povera deve sostituire il cucchiaio di miele e di olio d'oliva con un cucchiaino per entrambi.




5. MASCHERA RIEQUILIBRANTE PER IL VISO: 

Spesso le creme non bastano a prendersi cura della nostra pelle e con l'arrivo dell'inverno il nostro viso ha bisogno di una dose di idratazione in più, essendo esposta al freddo e quotidianamente ricoperta di make-up.
Provate questa maschera facile facile: schiacciate con una forchetta la polpa di una banana matura ed aggiungeteci dello yogurt bianco (che tonifica e rinfresca la pelle) e un cucchiaino di miele (che la rende più elastica e soda). Dovrebbe risultare un composto omogeneo e non liquido, ideale da spalmare sul viso. 
Lasciate agire per 15 minuti e poi risciacquate. Per un effetto illuminante, aggiungete al composto il succo di mezzo limone, mentre per le pelli particolarmente secche aggiungete un cucchiaino di olio d'oliva che oltre tutto ha proprietà antiage.



6. MASSAGGIO ANTICELLULITE:

Se proprio volete un rimedio forte contro la cellulite, i fanghi sono la soluzione ideale. Ma non ho la pretesa di dirvi come prepararlo in casa... questo preferisco lo compriate in erboristeria.
Un rimedio più soft, ma molto efficace se usato con costanza (l'ideale sarebbe ogni sera prima di andare a dormire) è applicare un mix di oli sulla parte interessata, per aiutare la pelle a rimanere elastica e per riattivare la circolazione sanguigna e quella linfatica, in modo che l'effetto "a buccia d'arancia" si riduca e la pelle risulti più tonica.
Unite all'olio di mandorle dolci delle gocce di olio essenziale di cipresso (che ha un forte effetto diuretico e drenante ed è ottimo per rinforzare i capillari delle gambe) e praticate un auto massaggio dal basso verso l'alto. Mi raccomando: non usate l'olio essenziale di cipresso da solo, perché essendo molto concentrato potrebbe provocare arrossamenti o irritazioni, ma abbinatelo sempre ad un olio vegetale.
Esistono tanti oli essenziali, ognuno con delle ottime proprietà (e profumazioni)... chiedete consiglio al vostro erborista di fiducia in base alle vostre esigenze.



sabato 25 ottobre 2014

Allattamento Naturale o Artificiale? La Mia Esperienza

Prima che nascesse Matteo immaginavo l'allattamento come un momento unico nella vita. Non vedevo l'ora di vivermelo appieno, per questo avevo una gran paura di avere poco latte e di non potermi godere questa esperienza magica a due.

In effetti durante i suoi primi giorni di vita la montata stentava ad arrivare e per calmare il suo appetito (è sempre stato famelico) dovetti chiedere in ospedale aggiunte di latte artificiale. Vedevo altre mamme usare il tiralatte e riempire interi biberon mentre io facevo fatica a farmene uscire 5 ml e questo mi faceva sentire in un certo senso "inferiore" a loro, era stressante per me, e deprimente.
Poi, una volta tornati a casa, finalmente la montata arrivò. Avevo tanto latte da dargli, le magliette mi si bagnavano e il mio seno era duro e gonfio. Finalmente potevamo cominciare il nostro allattamento ed io ero felicissima.

Non so però cosa successe in effetti... ma Matteo trovava difficoltà ad attaccarsi. Forse perché ormai si era abituato alla tettarella del biberon e succhiare dal mio seno gli faceva più fatica, fatto sta che si agitava in continuazione, mi mordeva e soprattutto con le sue unghiette mi graffiava tutto il petto.
Per me era una tortura. E forse anche per lui.

L'allattamento non era proprio come l'avevo immaginato. Avevo dipinto nella mia mente quel momento in modo così fiabesco... vedevo me seduta su una sedia a dondolo, con lui tra le mie braccia che succhiava beatamente e una musica classica in sottofondo.
Sarebbe dovuto essere così e non una lotta per farlo star fermo, un continuo mal di testa e capezzoli doloranti.


Iniziai così ad attaccarlo a me solo durante il giorno, aiutata dai para capezzoli e da mia mamma (se vi dico che lei teneva ferme le mani di Matteo mentre io gli "bloccavo" la testa, non sto affatto scherzando) mentre la notte preferivo riscaldargli il latte artificiale, per comodità di entrambi e maggiori ore di sonno.

Questo però mi portò piano piano a perdere il latte e nel giro di un mese e mezzo a non averne più.
Ho pianto tanto per questo, mi sono sentita in colpa, pensavo di aver sbagliato tutto e che questo mio errore avrebbe per sempre segnato la sua vita... ero stata una mamma incapace di allattare suo figlio. Perché tutte ci riuscivano ed io no?

Poi mi sono rassegnata e ne sono venuta fuori grazie alle esperienze di tante altre donne che, come me, avevano allattato per poco tempo, chi per un motivo chi per un'altro.
Ragazze che avevo conosciuto al corso pre parto che a causa delle ragadi avevano sofferto le pene dell'inferno, colleghe a cui addirittura era arrivata la mastite, amiche che avevano figli così affamati che il loro latte non bastava, addirittura mia suocera mi ha confessato di non essere riuscita a dare neanche una goccia del suo latte a mio marito, eppure potevo ben vedere com'era cresciuto sano e forte.
Insomma, iniziai a capire che la cosa importante era che mio figlio avesse preso, anche se solo per un po', il mio latte e che tutte le sue proprietà gli fossero in qualche modo arrivate.

E volete sapere una cosa? Ho ricominciato a vivere. Le sue poppate diventarono più regolari, il suo sonno più profondo, piangeva molto meno e in un certo senso lo vedevo più soddisfatto e felice. Se quel momento stressava entrambi... perché continuare a star male?

Certo, non vi sto consigliando di gettare la spugna subito ma, se avete delle difficoltà, di tentare fino a che la cosa fa star bene voi e il vostro bambino.

E se anche voi avete avuto un'esperienza simile alla mia, forse potrà aiutarvi la lista dei pro che compilai:
- Posso uscire una sera con mio marito perché mia madre può scaldargli il latte e darglielo al posto mio.
- Posso ricominciare a fare sport (chi allatta molte attività non le può fare).
- Posso mangiare e bere quello che voglio senza preoccuparmi che arrivi a lui.
- Dormiamo tutti di più la notte.
- Abbiamo ritmi più regolari di giorno.
- I momenti insieme sono solo pieni di gioia e serenità.

Vi sembra poco?

A tutte le donne che mi stanno leggendo auguro un allattamento lungo e sereno, ma se nel caso non dovesse essere così, sappiate che non siete sole e che in fondo... non è poi questa gran tragedia.


venerdì 24 ottobre 2014

La Casa Ideale

Io e Stefano ci siamo trasferiti nella casa attuale quando ero incinta di 7 mesi. Per fortuna cucina e bagni erano ristrutturati ed attrezzati quindi all'inizio siamo riusciti a sopravvivere con i pochi mobili che avevamo portato dall'appartamento precedente (un attico delizioso con caminetto in centro a Milano... quanto mi manca!) più un gigantesco letto nuovo.
Poi è nato Matteo ed ovviamente il tempo per arredare casa non l'avevamo, ma piano piano abbiamo comprato la parete attrezzata del soggiorno, l'armadio e i comodini della camera matrimoniale e tutto il necessario per la cameretta di nostro figlio.
I quadri, gli specchi, il tavolo da pranzo in salotto, l'allestimento dell'ingresso, le lampade... sono cose arrivate dopo.

Recentemente ho fatto altri cambiamenti, ma credo che il lavoro non sia ancora terminato... e in tutto questo sono passati già 2 anni.
Per quanto mi riguarda non credo che una casa si arredi totalmente prima di entrarci, anzi solo vivendoci le si può dare una forma familiare, è un lavoro in continuo divenire.

Sia che voi abbiate preferenza per l'arredamento moderno, provenzale, antico, classico o etnico, qui sotto vi riporto ciò che secondo me non dovrebbe MAI mancare in un appartamento ideale.
E' con queste idee in mente che un giorno, quando compreremo casa, mi farò ispirare.
Perché una cosa è arredare una casa in affitto per renderla bella finché ci vivi... e un'altra cosa è arredare una casa di proprietà, che vuol dire costruirla come vuoi tu, a tua immagine e somiglianza, realizzandola nei minimi dettagli in modo che rispecchi la personalità della tua famiglia.


CABINA ARMADIO: E' il sogno di tutte le donne... aprire quelle ante e trovarsi di fronte a pareti interamente ricoperte da scarpe ed abiti di ogni genere. Ma lasciando stare i sogni alla "Sex and the City", la cito perché è davvero una soluzione intelligente. 
Innanzitutto tiene lontani gli odori delle calzature dalla stanza da letto, in secondo luogo rende la camera matrimoniale più ampia perché la libera dell'ingombro di armadi e cassettiere, infine fa in modo che la stanza sia più ordinata perché non si troveranno mai abiti sparsi in giro.


CUCINA CON ISOLA: E' sempre stato un mio pallino, forse perché il piano d'appoggio centrale presuppone che la stanza sia abbastanza grande o forse perché, avendo la passione per la cucina, l'isola mi permetterebbe di avere spazio a sufficienza per impastare, frullare, centrifugare, tritare nonché avere tutti i miei attrezzi a portata di mano. Fatto sta che, anche se non indispensabile, è un vero plus in una casa come si deve.


VASCA IDROMASSAGGIO (MAGARI DOPPIA): Dopo una dura giornata di lavoro o dopo aver rincorso tuo figlio ovunque per ore, non c'è niente di meglio che concedersi una pausa rilassante in una grande jacuzzi, magari con candele profumate e musica lounge in sottofondo... qualsiasi stress passa via in un secondo! E solo per questo motivo è da annoverare tra le cose da avere assolutamente in casa.


STANZA LAVANDERIA: Non avevo mai pensato fosse importante, da dove vengo io i vestiti si stendono fuori al balcone e si asciugano in mezza giornata, ma al nord purtroppo le rigide temperature invernali non lo permettono. Mi sono ritrovata quindi ad asciugare gli abiti umidi in mezzo al corridoio, con conseguente disagio per il passaggio ed ovvio scempio per gli occhi. 
Adesso so cosa voleva dire mia suocera quando mi consigliava di cercare una casa con una stanza in più per la lavanderia! Un'ambiente unico che ospiti lavatrice, asciugatrice, appendiabiti, armadi per i detersivi, asse da stiro, cestini in vimini per la biancheria... l'occorrente non è proprio poco ed avere una camera dedicata è una grande comodità. Diciamoci la verità: un bagno senza lavatrice o ripiano per i detersivi è sicuramente un bagno più chic.


CAMINETTO/PARETE IN PIETRA: Queste sono due "chicche", assolutamente non indispensabili ma troppo belle! Il camino rende la casa calda ed accogliente in un baleno... immaginatevi accanto al fuoco, mentre bevete un po' di vino rosso in attesa che la cena sia pronta, o a guardare un film accoccolate a vostro marito mentre scoppietta lì accanto. Per un anno noi l'abbiamo avuto... e ci abbiamo anche fatto il barbecue!!
La parete in pietra mi piace perché da importanza alla casa, le da solidità. Meglio ancora solo un dettaglio come una colonna o un arco... e subito il valore dell'immobile sembra più alto!


AMBIENTE ESTERNO: Che sia un terrazzo o un giardino, un orticello o un balcone, uno sfogo esterno è fondamentale. D'estate ci si può pranzare fuori, dà la possibilità di piantare fiori e spezie, quando la giornata lo permette ci si può rilassare a prendere il sole o anche solo un tè con le amiche. Anche se a livello di gestione e manutenzione è abbastanza impegnativo, uno spazio esterno privato è un plus non indifferente.


SALA CINEMA: Ok, adesso sto esagerando, quest'ultimo punto non è assolutamente fondamentale... ma se chiedete a mio marito vi dirà di si! Per gli appassionati di cinema (o per chi ci lavora) avere uno spazio comodo dove rilassarsi e vedere film è indispensabile. Lasciando stare però la pretesa di una sala cinema (che mi sembra un po' troppo), un salotto con un grande plasma e divani larghi e comodi credo sia meraviglioso, soprattutto quando inviti amici a cena o se hai una famiglia numerosa. Cosa c'è di meglio che passare una serata tutti insieme in un posto come questo sgranocchiando pop corn?

giovedì 23 ottobre 2014

Il Mio Workout


Sono sempre stata una ragazza abbastanza sportiva. Fin da piccola ho praticato qualsiasi tipo di sport, in maniera amatoriale: pattinaggio, pallavolo, ginnastica artistica, tennis, nuoto e infine da adolescente danza moderna, corsa e palestra.

Ora che sono una mamma ho ovviamente meno tempo da dedicare a me, ma non per questo rinuncio ad allenarmi... basti pensare che ho fatto acquagym fino all'ottavo mese di gravidanza e al 40esimo giorno di vita di Matteo ho ricominciato un corso di yoga!

Certo, la mia routine sportiva si è totalmente stravolta... prima dalle 19 alle 20:30 non c'ero per nessuno, ora è il momento più caldo della giornata tra bagnetto, pappa e nanna di mio figlio!

Fino a poco tempo fa mi sembrava una cosa naturale praticare sport quotidianamente, ma ultimamente ho conosciuto donne (soprattutto mamme) che hanno smesso di farlo, iniziando a trascurarsi un po' a favore dei figli e della famiglia.

Ecco perché oggi voglio incoraggiare tutte loro a prendersi cura di se stesse e a non usare scuse come "non ho tempo", "sono troppo stanca", "non ne ho più la voglia" perché:

1) Il tempo si trova, ve lo assicuro. Se andare in palestra vi spaventa perché pensate di perdere troppo tempo, provate a comprare da Decathlon un tappetino e due pesetti. Una mezz'ora/tre quarti d'ora a giorni alterni per allenarvi in camera vostra o in salotto credo ve la possiate prendere (e soprattutto ve la meritate). Oppure mettetevi le scarpe da ginnastica, scendete sotto casa e fate una corsetta di mezz'ora.

2) La stanchezza è nella vostra testa. Non vi sto dicendo che non è vero che siete stanche, ma vi assicuro che muovervi un po' vi scaricherà dallo stress (ossia dalla "stanchezza mentale" che ci fa credere di essere stanche anche fisicamente).
3) La voglia vi torna appena iniziate a vedere i risultati. Appena vostro marito vi fa un complimento perché quella gonna vi sta davvero bene, appena la bilancia vi dice che avete perso un chilo, appena comprate un capo di una taglia in meno.

Infine ecco il mio workout settimanale, se per caso state cercando un'ispirazione su cosa fare quest'inverno.

- LUNEDI': 30 min di nuoto + bagnoturco

- MARTEDI': 1h di corso in palestra (gag o total body)
- MERCOLEDI': 30 min di nuoto + bagnoturco
- FINE SETTIMANA (sabato o domenica): partita di tennis con mio marito (1h) oppure 30 min di spinning (a casa ho una spin bike)

Il nuoto è uno degli sport più completi e a me piace perché scioglie anche i grassi, grazie al massaggio dell'acqua. L'attività aerobica invece (palestra, tennis, spinning) allena la struttura muscolare in modo più intenso e mi piace perché mi mantiene tonica.

Vi chiederete come mai concentro tutto il mio allenamento ad inizio settimana. Semplice: sono i giorni in cui mio figlio è al nido ed ho la mattina libera.

Questo per dimostrarvi che ognuna di noi ha una routine familiare, degli impegni e delle esigenze, ma basta imporsi di includere un allenamento quotidiano (anche minimo) tra le cose da fare ed il gioco è fatto. Se lavorassi ci andrei in pausa pranzo. Basta un piccolo impegno iniziale. Basta volerlo.

mercoledì 22 ottobre 2014

Come Affrontare I Terribili 2 Anni

Mio figlio ha da poco compiuto 21 mesi (1 anno e 9 mesi per intenderci) ed è nel pieno della fase dei "NO", del "E' MIO!" e dei capricci per qualsiasi cosa con tanto di sceneggiata a pugni stretti e piedi che battono a terra.
Con qualsiasi mamma io parli trovo che, nonostante i bambini abbiano caratteri diversi, vengano da famiglie eterogenee ed abbiano ognuno routine ed esperienze diverse, TUTTI attraversano questo periodo. E tutte le mamme me lo confidano con la stessa espressione di sconforto e stanchezza, alzando gli occhi al cielo come per cercare un sostegno dall'alto.

La fase dei "terrible two" (i terribili 2 anni) inizia verso i 18 mesi e si conclude intorno ai 3 anni... quindi dobbiamo tenere duro per circa un anno e mezzo! Durante questo periodo il ruolo del genitore è DELICATISSIMO. E' importante non fare sbagli (almeno non troppi) perché segneranno la crescita di nostro figlio.
Tante volte a me succede di perdere la pazienza (anche noi mamme siamo esseri umani) e di urlare a mio figlio, o di dargli una piccola sculacciata ma io per prima so che se riuscissi a mantenere la calma, avrei strumenti di gran lunga migliori a disposizione.
Vediamoli insieme:

  1. ASCOLTIAMO il nostro bambino. Anche se non sa ancora esprimersi, sicuramente riusciamo a capire le sue intenzioni, quindi mostriamoci interessati a lui quando richiama la nostra attenzione, anche se siamo al computer, stiamo cucinando o siamo impegnati in qualcos'altro. Dev'essere frustrante per lui, che già non sa parlare, vedere che non ci giriamo dalla sua parte quando cerca di dirci qualcosa.
  2. PARLIAMO con amore. Quando fa i capricci cerchiamo di spiegargli perché ha sbagliato, perché non si fa e rassicuriamolo sul fatto che in ogni caso lo amiamo. Non lo ammoniamo con frasi del tipo "sei stato cattivo!" oppure "sei il solito monello" perché in questo caso giudichiamo il suo modo di essere etichettandolo in modo negativo. Inoltre a furia di dirglielo, si sentirà tale e continuerà a comportarsi male. La giusta alternativa è qualcosa del tipo "Adesso non ti sei comportato bene, mamma non è contenta di quello che hai fatto". In questo caso stiamo sottolineando un comportamento sbagliato, che è limitato a quell'occasione particolare, a quell'azione specifica e che non va quindi a ledere l'identità del bambino.
  3. NO agli URLI e alle BOTTE. So che spesso le mani ci prudono e il tono di voce sale senza che ce ne rendiamo conto... in questo caso allontaniamoci per un attimo, contiamo fino a 10 e ripetiamo a noi stesse "è ancora piccolo, sono io a dovergli insegnare le cose, sono il suo esempio". Quindi torniamo da lui e affrontiamo il momento di crisi con più calma. I bambini imparano per imitazione, quindi se usiamo la violenza risponderanno con la violenza, se alziamo i toni lo faranno anche loro. 
  4. FACCIAMOLO SENTIRE IMPORTANTE. Se lavoriamo e lui trascorre la maggior parte della giornata al nido o con una baby sitter, sfruttiamo i momenti insieme nel miglior modo possibile. Giochiamo con lui, facciamoci coinvolgere nelle sue attività, facciamoci raccontare cos'ha fatto durante la giornata e ritagliamoci degli spazi solo nostri. Io con Matteo vado ad un corso di musicalità, lo porto in piscina a nuotare, spesso mi siedo al centro della sua stanza e mi dico "questo pomeriggio è tutto per lui". Così si sentirà amato e considerato... premesse fondamentali per farlo crescere sicuro di sé.
  5. Insegniamogli il valore della parola SCUSA. E' ancora piccolo per capirne il significato profondo, ma non è mai troppo presto per inserire questa parolina nel suo vocabolario. Facciamogli capire che questa parola (o in alternativa un abbraccio, un bacio o una carezza) è un modo per rimediare ad un errore fatto, per modificare un comportamento sbagliato in modo positivo, per comunicare agli altri che gli dispiace e non lo farà più.
  6. CASI ESTREMI. Quando un bambino vuole salire in piedi su una sedia o mettere in bocca il flacone del detersivo, quando non vuole essere legato in macchina o vuole giocare con un coltello, non ci sono giri di parole... ci vuole un secco NO. Senza urlare, semplicemente dirgli NO guardandolo dritto negli occhi. Poi, quando sarà lontano dal pericolo, possiamo anche spiegargli perché siamo stati così duri e diretti e quali sarebbero state le conseguenze della sua azione. Spesso però capita che la proibizione lo porti a desiderare ancora di più quella cosa quindi personalmente ho adottato un metodo che non piacerà alla vecchia generazione di mamme ma che io ho trovato molto efficace: fargli sperimentare in modo sicuro il pericolo. Quindi fargli toccare piano piano il coltello e fargli sentire che punge, inclinare leggermente la sedia per fargli vedere che potrebbe cadere, fargli sfiorare una cosa che scotta... così il bambino scopre sulla propria pelle il pericolo ma, essendo sotto la nostra supervisione, non corre in effetti alcun pericolo reale. Meglio così che un bambino che di nascosto ci disobbedisce con conseguenze molto più gravi.
  7. NON PRENDIAMOLA SUL PERSONALE. Anche se ci viene da pensare che ci provochino apposta, non è così! O meglio... le loro intenzioni non sono negative, stanno semplicemente affermando il loro carattere e spesso neanche loro non sanno cosa vogliono. Ma è vero che vogliono vedere fino a dove arriva la nostra pazienza, in un certo senso ci mettono alla prova per testare il nostro amore per loro, ma nelle loro azioni non c'è alcuna forma di cattiveria. Cerchiamo di ripetercelo spesso.
Crescere un figlio non è facile e la possibilità di sbagliare è dietro l'angolo... io stessa faccio errori in continuazione nonostante mi impegni ad essere la madre migliore possibile. Ogni piccolo sbaglio però è una crescita anche per noi mamme, per capire quali sono i nostri limiti e scoprire cose di noi di cui neanche conoscevamo l'esistenza... i nostri figli nel bene o nel male ci rendono delle persone migliori!




martedì 21 ottobre 2014

Cambio di Stagione



Ebbene si... il fatidico momento sta arrivando. Quello in cui mettiamo via abitini colorati, shorts e sandali, per fare spazio a maglioni di lana, calze pesanti e stivali. Il cambio di stagione invernale! (e qui ci starebbe bene la musica di sottofondo che fa "ta da da daaaaaa")

In primavera è così bello fare quello estivo... mettere via tutto il grigio e il nero del nostro armadio e lasciare spazio ai colori e all'allegria! Ma purtroppo non viviamo ai Caraibi (per me che sono nata al sud e in primavera, abituata quindi ad avere sempre il sole sopra la testa, sarebbe un sogno vivere in un posto dove fa sempre caldo!) quindi dobbiamo adattarci. Ma guardiamo il lato positivo della cosa... è un'ottima occasione per rinfrescare il nostro guardaroba!

Possiamo selezionare tutte le cose che non ci piacciono più e darle in beneficenza. In molte chiese fanno la raccolta degli abiti usati per darli a persone che ne hanno bisogno... è un bellissimo gesto di solidarietà e vi permetterà di liberarvi di ciò che non vi piace più o non vi sta più bene.

In alternativa esistono negozi che acquistano i vostri capi usati e li rivendono a prezzi scontati. In centro a Milano c'è Bivio, e sicuramente anche in altre città esistono soluzioni del genere. I capi devono essere in ottimo stato e puliti, la valutazione del prezzo si fa lì sul posto, in genere è intorno al 33% del loro prezzo di vendita. Per capi "preziosi" il cui prezzo di origine supera i 100€ c'è il contovendita: ossia i capi vengono lasciati in negozio per un massimo di 90 giorni e quando vengono venduti il ricavato si divide 50% al negozio e 50% a voi.

Dopo aver dato uno sguardo al vostro armadio ed aver eliminato ciò che non vi piace più arriva il momento più bello... quello di fare shopping! Avere "impoverito" il nostro guardaroba è un'ottima scusa per comprare qualcosa di nuovo, magari più in linea con la moda del momento. Fatevi un'idea chiara su quello che vi serve: magari gli stivali dell'anno scorso sono molto rovinati e tocca sostituirli con un nuovo paio, oppure notate che avete molti capi grigi e neri e manca un po' di viola, di beige o verde scuro (colori bellissimi da portare in inverno). Non andate in negozio senza sapere cosa davvero vi serve... rischiate di comprare cose che vi piacciono ma che magari avete già.

Da quando sono a Milano ho scoperto un negozio che non conoscevo: Diffusione Tessile. E' un outlet di abiti di marca (Max Mara, Max and co. Penny Black ed altri) ai quali viene tolta l'etichetta e venduti al pubblico a prezzi molto più bassi. Si trova di tutto: dalla maglieria, ai cappotti, alle scarpe, alle borse, agli accessori. C'è anche un reparto dove si vendono stoffe al metro ed una sarta è a disposizione della clientela per realizzare abiti su misura o per fare aggiusti ai capi acquistati in negozio.

Infine, date un'occhiata a questa guida per decidere come catalogare i capi... potrà esservi molto utile!
Buon cambio di stagione (e buon shopping) a tutte!!


lunedì 20 ottobre 2014

5 Acconciature Per Matrimoni

La stagione dei matrimoni dovrebbe essere (più o meno) finita, o quantomeno non ne abbiamo più uno a settimana.
Quest'estate ho ricevuto 5 inviti ma ho potuto partecipare solo a 3 di questi e mi sento fortunata... ci sono persone attorno a me che sono arrivate a quota 13 tra Maggio e Ottobre! 
Mai come quest'anno, durante questi eventi, ho visto donne con acconciature molto carine e sofisticate ed io stessa, che prima preferivo lasciare i capelli sciolti nei miei boccoli naturali, ho optato per qualcosa di diverso.

Volete vedere le mie ispirazioni? Eccole qua.


TRECCIA LATERALE: Ho realizzato questa acconciatura al matrimonio di mia cugina... l'effetto non era proprio uguale perché i miei capelli, purché tanti, sono più fini e la treccia è risultata più sottile.
Mi piace perché: la treccia per me è sinonimo di raffinatezza e questa in particolare, che parte dall'attaccatura dei capelli, crea anche un volume naturale sopra la fronte che secondo me è assolutamente indispensabile.



SCIOLTI CON PICCOLA TRECCIA: Così sono andata al matrimonio di un amico di infanzia (nonché primo fidanzato!). 
Mi piace perché: è una soluzione super comoda e molto naturale. Grazie alla treccia in alto i capelli stanno a posto ma le lunghezze sono lasciate libere in morbide onde.


SCIOLTI CON MOLLETTA PER GONFIARLI ALLA RADICE: Questa in realtà è la mia pettinatura quotidiana. Avendo i capelli mossi ed l'attaccatura come quella in foto, non so vedermi con il ciuffo libero... che non saprei dove mettere. Per il matrimonio di una delle mie migliori amiche (dove ero la damigella) ho quindi optato per qualcosa che conoscevo e già amavo. Semplice ma efficace. Mi è bastato intervenire con il ferro sulle lunghezze per aggiustare i miei ricci naturali e definirli meglio.
Mi piace perché: mi sta bene!


CHIGNON CON TRECCIA: Se fossi andata al quarto matrimonio mi sarei sicuramente fatta fare qualcosa del genere.
Mi piace perché: unisce la raffinatezza dello chignon all'eleganza della treccia. In questo modo una pettinatura che potrebbe essere banale è assolutamente originale!


CODA BASSA: Per il quinto matrimonio (un collega di mio marito), sarebbe stata perfetta.
Mi piace perché: E' un sempreverde, chic e naturale. Adatto a qualsiasi tipologia di vestito.