Visualizzazione post con etichetta EVENTI. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta EVENTI. Mostra tutti i post

giovedì 19 maggio 2016

Festeggiare Il Proprio Compleanno

Quando le candeline sulla torta NON erano così tante da riempirne tutta la superficie, era bello festeggiare... 
Era bello celebrare quel giorno con i compagni di scuola/università, o col fidanzatino in una cena a lume di candela, o con tutti gli amici in un locale con fiumi di alcolici, o con parenti in una "inaspettatissima" festa a sorpresa. 
Almeno... per me è sempre stato bello essere la protagonista per quell'unico giorno su 365.

Poi, le candeline hanno cominciato a moltiplicarsi. Non so come abbiano fatto... ma quest'anno addirittura sono arrivate ad essere 34!! Hei voi, smettetela di riprodurvi come conigli!!! :)

Queste foto sono di un anno fa! 
Copiright Cosmomum

E chissà perché, la voglia di festeggiare (di festeggiare in grande intendo, urlando al mondo intero che è il TUO giorno) è cresciuta in modo inversamente proporzionale alle candeline...nel senso che adesso ho 34 volte meno voglia di far sapere a tutti che tra poco sarà il mio compleanno!

Adesso infatti (potrà sembrare retorica, ma vi giuro che per me è così) mi da più gioia festeggiare i compleanni dei miei figli.
Sarà perché le candeline sulla torta sono davvero poche, sarà perché i loro occhi brillano di una luce speciale quando devono spegnerle, sarà perché i loro compleanni mi ricordano che davanti a loro c'è ancora una lunghissima strada da percorrere, e tantissime candeline ancora su cui soffiare.

Tante mamme si sentono così, non è vero?

Eppure, oggi voglio proporvi un cambio di direzione: scacciamo via la malinconia. E' vero, i bei tempi in cui eravamo delle ragazzine e non temevamo lo scorrere del tempo sono passati... ma adesso siamo delle DONNE. 

Oggi, che manca meno di una settimana al mio compleanno, voglio "prepararmi" per questo evento e, perché no, prepararmi a gioire del fatto che un altro anno è passato.

In fondo, pensateci un attimo: aver vissuto un altro anno significa essere più sagge, più consapevoli... sempre più se stesse.
E se anche una ruga in più solca il nostro volto, vorrà dire che da qualche altra parte siamo più ricche, interessanti, forti, affascinati di quanto non lo fossimo anni fa!
E se questo ancora non vi convince, vedetela così: invece di festeggiare lo scorrere del tempo, pensate che state celebrando tutti i successi ed i traguardi che avete vissuto durante l'ultimo anno appena concluso.

Ed è così che mi sono improvvisamente resa conto che io ho: fatto da testimone a mia sorella, partorito la mia secondogenita, vinto con lei la battaglia della pertosse, ripreso in mano la mia vita, ricominciato a fare sport, iniziato una nuova avventura lavorativa.
Ed è così che mi sento fiera di me, la negatività cede il passo alla positività... ed ho di nuovo voglia di festeggiare!!! ;)



sabato 2 aprile 2016

Omeopatia Porte Aperte, Un Appuntamento Da Non Perdere

Voglio iniziare il post di oggi con un sondaggio: quanti di voi ricorrono all'Omeopatia per curare se stessi e la propria famiglia? E chi di voi invece non crede affatto nella medicina naturale e preferisce ricorrere a quella tradizionale?

Vi pongo questa domanda perché si sta avvicinando un avvenimento importante: Venerdì 8 Aprile sarà il giorno di "Omeopatia Porte Aperte" e in oltre 300 studi di tutta Italia, medici e veterinari omeopati OFFRIRANNO VISITE SPECIALISTICHE GRATUITE. 
Un'occasione unica per tutti coloro che vogliono avvicinarsi a questo mondo e conoscerne metodi, rimedi ed efficacia.


Personalmente ho sempre ricorso alla medicina tradizionale (cercando di non abusarne) e sono sempre stata un po' scettica sui rimedi che definivo "alternativi".
Ma da quando sono nati i miei figli, e da quando si tratta di curar loro e non solo me stessa, la mia scelta è stata meno ovvia e scontata.

Vedo i miei bambini un po' come una pagina bianca, che non voglio "inquinare"... e lo dico io, che sono mamma di una bimba che a soli 2 mesi e mezzo ha dovuto assumere dosi importanti di cortisonici ed antibiotici per combattere la pertosse (potete leggere della nostra battaglia qui).
Da allora ho iniziato a chiedermi: perché non utilizzare dei rimedi che stimolano le difese immunitarie e non hanno alcuna controindicazione, piuttosto che trattamenti che si sostituiscono alle difese naturali dell'organismo?

Da una ricerca ISTAT emerge che in Italia solo il 4,1% della popolazione fa uso di rimedi omeopatici, ma questo numero sale di gran lunga (3 persone su 4) se si analizza la popolazione che conosce l'omeopatia, ma "cede" comunque alla medicina tradizionale.

Secondo voi per quale motivo?

Potendo parlare per esperienza personale, la disinformazione è il motivo numero uno che mi ha sempre spinto a cercare il rimedio tradizionale, in secondo luogo perché è più "facile" curarsi con farmaci generici, che hanno un effetto immediato, e per tutti. 
Sto male: prendo un antidolorifico. Ho la febbre: vai di tachipirina/aspirina. In questo modo metto a tacere la malattia in questione, ma zittisco anche il mio corpo... e il disagio che stava cercando di comunicarmi.

I farmaci omeopatici, al contrario, non funzionano per tutti allo stesso modo, questo perché (come direbbe mia suocera) l'omeopatia non cura il male, ma la persona e il suo squilibrio. Ci vuole un po' quindi, prima di capire qual'è il rimedio più adatto per ognuno di noi, ma una volta trovato, l'effetto benefico è immediato.

Terzo motivo che mi ha sempre tenuta alla larga dai farmaci omeopatici è che devono essere presi con costanza. Mentre basta una dose di Aulin per star meglio, l'omeopatia è efficace attraverso cicliche somministrazioni ripetute nel tempo. 
Dovendo curare l'origine del male e non i suoi effetti, si tratta di ridefinire gli equilibri, ecco perché impegno e costanza.

Quarto, ed ultimo motivo, che allontana molti dalle medicine omeopatiche è il prezzo: in effetti i farmaci omeopatici costano... ma pensateci bene: siete davvero disposti a risparmiare sulla salute dei vostri cari?

Fatte queste premesse, immaginate di avere l'opportunità di una CONSULENZA GRATUITA, dove professionisti del settore vi spiegano il funzionamento della medicina naturale e l'importanza di "pulire" il proprio corpo dagli elementi chimici delle medicine... bene, questo sogno ad occhi aperti Venerdì 8 aprile diventa realtà. 
Una grandissima opportunità per chiarirsi le idee... tocca approfittarne!
Poi, sarete come sempre liberi di scegliere, ma almeno nella piena consapevolezza delle alternative.

Per trovare il medico o il veterinario più vicino e prenotare una visita gratuita, cliccate sul sito www.presidiomeopatiaitaliana.it oppure chiamate i seguenti numeri di telefono: 081 3951888 – 320 7232183 – 081 7614707 (attivi dal lunedì al venerdì dalle ore 9:30 alle 18:00).

giovedì 21 gennaio 2016

Come Organizzare Una Festa A Tema: I 3 Anni Di Matteo

Organizzare una festa i primi di Gennaio non è affatto facile: oltre ai classici problemi legati al freddo e al buio che arriva presto, ci si mettono anche le feste di Natale di mezzo, per cui bisogna preparare tutto con largo anticipo.

Mio figlio è nato il 16 Gennaio, ma bloccare il posto, dare gli inviti e pensare al tema della festa dopo la befana è impensabile... si rischia di trovare tutto prenotato e famiglie già organizzate per il week-end sulla neve. Quindi tocca fare tutto a Dicembre, ossia un mese e mezzo prima!

Quest'anno abbiamo deciso che la festa dei 3 anni di Matteo (il traguardo dei 3 anni è importante!) avrebbe avuto un tema: PIRATI!
Non avevo mai organizzato una festa a tema prima d'ora, ma adesso che è tutto finito posso dire di essermi davvero divertita e che il risultato è stato proprio soddisfacente!

Se anche voi, mamme e papà, volete organizzare una festa indimenticabile per i vostri bimbi, seguite i miei consigli qui sotto!

1) Decidete il tema con largo anticipo
Parlatene con vostro figlio e decidete insieme, in fondo è a lui che è dedicato l'evento. 
Esiste un personaggio dei cartoni animati che gli piace particolarmente? O è in fissa con macchinine/supereroi/trenini? Qualsiasi sia la sua "passione del momento", fatene il centro della festa.

2) Scegliete i colori predominanti, due o al massimo tre.
I colori che sceglierete andranno a "vestire" la festa. Gli inviti, gli addobbi, i palloncini... tutto l'occorrente dovrà essere solo di quei colori, 2 o al massimo 3. 
Noi abbiamo scelto il rosso e il blu, dopo aver trovato questo simpatico "piratino" in un party box che conteneva bicchieri, tovaglioli, piatti ed altro occorrente per la festa.

3) Se c'è un personaggio o un simbolo chiave, replicatelo dove potete.
Dopo aver visto il piratino di cui sopra, ho deciso che sarebbe stato lui il protagonista della festa, e l'ho utilizzato per realizzare gli inviti e la torta.

Anche qurest'anno ho fatto realizzare gli INVITI on-line da "Arriva la cicogna", è un e-shop che trovate su Etsy che vi fa pagare solo il costo del file grafico. In una giornata ricevete il documento e poi lo stampate nel formato che preferite. Costa poco e le realizzazioni sono molto carine.

Anche quest'anno niente pasta di zucchero per la torta ma uno strato di squisito cioccolato bianco che l'ha resa, oltre che davvero carina, buonissima!


4) Organizzate giochi a tema
In questo caso è stato molto facile, e la ludoteca mi ha aiutato molto in questo. Prima abbiamo fatto un gioco-libro (l'animatrice ha letto una storia in tema pirati e poi i bimbi hanno costruito e colorato una grande nave, attaccandola al muro) e poi la classica caccia al tesoro con tanto di forziere pieno di caramelle!

5) Travestite il festeggiato
Questa è una chicca, non essenziale ma divertente. In questo modo il festeggiato sarà il vero protagonista della festa e sarà visivamente riconoscibile in mezzo agli altri invitati.
Il costume da pirata di Matteo è durato circa 5-10 minuti, dopodiché ha voluto toglierselo, un po' per il caldo e un po' per comodità, quindi il mio consiglio è: vestitelo comunque bene sotto il costume... perché alla fine il travestimento durerà poco!
E' per questo motivo che, purtroppo, non sono riuscita a fare foto del mio piccolo piratino... un ricordo che mi rimarrà soltanto nel cuore! Il secondo consiglio quindi è: fotografate vostro figlio appena lo travestite, non aspettate l'inizio della festa!

6) Regalino finale
Alla fine di ogni festa un regalino finale è d'obbligo, per ringraziare gli invitati di aver partecipato. Anche qui, siate coerenti con il tema della festa.
Io ho regalato delle bandane da pirata, all'interno di queste gift bag.

La festa è stata un vero successo: tanti bambini, giochi liberi e guidati... l'età media era tra i 2 e i 4 anni quindi pochi hanno seguito l'animatrice, ma mi ritengo molto soddisfatta!

Ringrazio la ludoteca "A Casa di Lora" e tutto il suo staff per la disponibilità e la cortesia.
Consiglio vivamente a chi vive a Milano, in zona Loreto/Lambrate, di andare a visitarla... uno spazio a misura di bambino dove poter organizzare feste o trascorrere pomeriggi divertenti con i propri piccoli. Cliccate su questo link per visitare il sito.

lunedì 16 novembre 2015

Avvento 2015: il Calendario Delle Attività


Ok, ve lo confesso: fino a qualche anno fa NON SAPEVO COSA FOSSE IL CALENDARIO DELL'AVVENTO!
Nessuno, e dico nessuno, me ne aveva mai parlato o ne aveva fatto uno per me (che infanzia infelice, direte voi...) ed è stata una delle meravigliose scoperte che ho fatto da quando sono mamma.

L'anno scorso Matteo non aveva neanche due anni e per questo decisi che avrei aspettato al Natale successivo per preparargli il suo primo calendario dell'avvento... adesso finalmente è arrivato il momento di sbizzarrirmi! ;)
E voi, avete cominciato a pensarci?

Per le mamme che hanno poco tempo (le lavoratrici ad esempio) ce ne sono tanti già preconfezionati, quello che dovrete fare è solo riempire gli spazi appositi. 
Eccone alcuni: 
Calendario Avvento Topolino ed i suoi amici: lo trovate cliccando sul link a soli € 22,90.


Zara home ne propone due varianti, colore naturale a forma di casetta e bianco, entrambi a € 35,99. Molto carino il fatto che si illuminano al buio!


Maison du monde invece si è ispirato alla discesa di babbo natale giù per il camino, per realizzare il suo calendario dell'avvento. Può essere vostro a soli € 29,99.

Ma se avete un po' di tempo libero, dedicarvi alla realizzazione del vostro, personalissimo, calendario dell'avvento, vi darà grandi soddisfazioni! 
Inoltre, gli spazi di quelli che acquistate sono spesso limitati ed è difficile trovare qualcosa di piccolo da metterci dentro che non siano cioccolatini o dolcetti.
Vi propongo qui qualche idea fai-da-te, facile facile, ma di grande effetto!

IDEA N.1: Prendete (o realizzate) delle scatoline di cartone ed abbellitele con dello spago rosso. Infine, applicate dei numeri adesivi.

IDEA N.2: Bustine in feltro disposte a formare un albero di natale... non sono deliziose? Io però le realizzerei leggermente più grandi, per poterle riempire con quello che volete.

IDEA N.3: Sacchetti colorati! Questa idea è la più semplice, nonché la più comoda. I sacchetti sono molto spaziosi e c'è possibilità di metterci dentro tante cose, anche non piccolissime. 
E questa è la soluzione che adotterò io quest'anno! ;)

Infine, ho trovato su Pinterest questi numeri, che potrete stampare, ritagliare ed applicare sul supporto che volete!

E adesso passiamo al contenuto
In teoria il classico calendario dell'avvento è fatto per ospitare cioccolata e dolciumi (ecco perché gli spazi ridotti), ma ultimamente la tendenza è molto più salutare ed è di moda regalare piccoli oggetti. Una macchinina, mini pastelli a cera per colorare, uno yo-yo, un mini puzzle, delle figurine o degli adesivi... le idee possono essere tante.

Ma scusate, riflettiamo un attimo: già a Natale i bimbi hanno tantissimi regali (dai nonni, gli zii, da mamma e papà ecc), quindi direi che riempirli di regalini anche nei precedenti 24 giorni potrebbe essere un po' eccessivo...

Perché non sfruttare l'occasione per regalar loro delle esperienze? Per "fare" delle cose, invece che ricevere passivamente un oggetto? Quindi proviamo a fargli trovare ogni giorno un'attività divertente da fare con la mamma o col papà... sarà anche educativo ed unirà l'utile al dilettevole! ;)

Sono tante le cose da poter fare insieme, ecco qui qualche esempio: scrivere ed imbucare la letterina a Babbo Natale, preparare una torta o dei biscotti con la mamma, fare tutti insieme l'albero di Natale, impacchettare i regali o scrivere i biglietti di auguri... basta solo avere un po' di fantasia!

Se avete qualche idea originale o suggerimenti, commentate pure!

Buon calendario dell'avvento a tutti! ;)

lunedì 25 maggio 2015

Baby Shower And Birthday Party

Ok, lo ammetto: appena tornata a casa volevo un'accoglienza degna di un'amica che non si vede da tanto tempo, di una figlia che sta per dare alla luce il secondo nipotino, di una sorella che farà da testimone all'imminente matrimonio ma anche semplicemente di una donna incinta che compie 33 anni e non vede amici e parenti da mesi e mesi.

Ecco perché ho preparato un party doppio: festa di compleanno per me e baby shower per l'arrivo della mia piccola.


Durante le mie feste non amo fare foto... preferisco godermi il momento e accogliere gli invitati, chiacchierare con loro, mangiare... :) 
Il reportage fotografico che vedrete quindi è solo una piccola parte di ciò che è stato ieri, e devo ringraziare le mie amiche per questo! Per tutti gli altri dettagli, affidatevi alle mie parole e alla vostra immaginazione! :)

Se avete in mente di realizzare qualcosa di simile o anche solo di fare una festicciola, prendete spunto da qui!

Da Mangiare e bere:
La festa era ad orario aperitivo, ossia alle 18, e non ho invitato solo donne ma anche mariti/fidanzati e figli. 
Ho offerto pizzette e rustici, grissini col salmone e col prosciutto crudo, quiche di verdure e una bellissima insalata di riso di mare... ricca di pesce! (in un prossimo post vi dico la ricetta!)
Mio marito si è divertito a preparare degli Aperol Spritz, ma c'erano anche coca-cola, aranciata ed acqua per chi non volesse alcolici!



Ho fatto fare cupcakes e cake pops da Sugar's Wish, una giovane azienda napoletana che realizza dolci buonissimi (e anche belli da vedere) per qualsiasi tipo di party.

La Location:
Salotto e balcone di casa mia (o meglio, della mia casa da ragazza!).
L'orario di inizio festa era strategico per poter godere della luce di fine pomeriggio e del tramonto della sera, alle 20:30. Gli ultimi invitati infatti sono andati via alle 21:30, quando da poco si era fatto buio.


La sorpresa:
Ho ricevuto questa fantastica torta di pannolini dalle mie amiche ma la sorpresa più bella è stata la notizia di una di loro che è incinta!! Piano piano stiamo tutte diventando mamme... :)

Oltre a me, c'erano anche altre due pancione, entrambe con delivery a giugno. E' stato bello confrontarci su piccoli dettagli che stiamo vivendo insieme, ognuna a modo proprio.

Il momento torta:
Crema e fragoline con tanta panna sopra... alla faccia dell'attenzione ai chili in gravidanza! :)
Le candeline le ho fatte spegnere a mio figlio, un po' perché è un gioco che adora fare (e che abbiamo ripetuto tre volte) e un po' perché in effetti il mio compleanno era il giorno dopo, ossia oggi 25 Maggio. (Evviva la scaramanzia!)



Alla fine basta poco per realizzare una festa, o in questo caso una doppia festa! 
Perché potrete addobbare quanto volete la vostra casa, ma sarà il calore e l'affetto degli amici a riempire la stanza... 


venerdì 8 maggio 2015

Le Feste "Pazze" Di Adriana: i 2 e i 3 Anni Di Alessandro

Adriana è un architetto, una donna in carriera e una madre tutto fare... non so come trovi il tempo per dividersi tra famiglia e lavoro riuscendo a non trascurare né il marito, né Alessandro (il suo bimbo di quasi 4 anni) e nemmeno il suo ufficio... si SUO, perché Adriana si è anche messa in proprio! 

Se in più ci metti che ha una grandissima creatività e la puoi trovare a cucinare dolci, così come a realizzare allestimenti per la festa di suo figlio... provo un mix di invidia ed ammirazione! :)
Dicci la verità Adriana: la tua giornata è fatta di più di 24 ore!!

Oggi voglio mostrarvi quello che ha fatto per la festa dei 2 e dei 3 anni di Alessandro e vi avverto: ha fatto TUTTO da sola. Dal catering, agli allestimenti, all'invito... finanche alla torta! 

Per la festa dei 2 anni il tema era IL MARE, mentre PIC-NIC era quello per la festa dei 3 anni.
E' stata attenta a far ruotare tutti gli elementi intorno a questi temi... e c'è riuscita alla grande!
Aveva ospiti intolleranti al glutine o che non amavano il pesce quindi è stata anche attenta ad indicare gli ingredienti di ogni ricetta. 

Dice di essersi divertita un mondo nel farlo e dal risultato finale si vede quanto amore e devozione ci abbia messo. Complimenti Adry!

FESTA PIC-NIC: 3 ANNI


MITICA ADRIANA!

MUFFINS E POP-CORN

CAKE POPS E BOLLE DI SAPONE

MOMENTO PIC-NIC: Ogni bimbo aveva il suo cestino con tramezzini, biscotti, panini alla nutella, pop-corn, posate e bicchierini!

REGALINI: Tovagliette da pic-nic, ghirlande colorate e caramelle

TORTA: Tutti i personaggi preferiti di Alessandro che facevano... un pic nic!

FESTA MARINA: 2 ANNI

INVITO: Con immagini scaricate da internet è riuscita a realizzarlo da sola!

POLIPETTI DI WURSTEL

INSALATA DI RISO

GRISSINI MARINI

OSTRICHE DI BISCOTTI: Che idea originale!

CAKE POPS: Gli ingredienti sono segnati sul cartoncino... ottima idea!

CARAMELLE A FORMA DI PESCI

TAVOLA MARINA

TORTA! In pasticceria non sarebbe venuta così bene!

LA FAMIGLIA AL COMPLETO


E voi, cosa fate per i vostri bimbi il giorno del loro compleanno? Se cercate ispirazione... qui ce n'è da vendere!

giovedì 12 marzo 2015

Medicinema E La Terapia Del Sollievo

Oggi voglio parlarvi di un'associazione di cui sono venuta a conoscenza poco fa e che mi ha entusiasmata e commossa allo stesso tempo. 
Tutte le famiglie italiane dovrebbero sapere della sua esistenza quindi, nel mio piccolo, oggi voglio fare qualcosa per contribuire alla sua diffusione.

Si chiama MEDICINEMA ed è una Onlus nata nel 2013 sul modello di MediCinema UK, charity attiva dal 1996, che in Inghilterra sta avendo grandissimo successo.

Vi ricordate Patch Adams e terapia del sorriso per alleviare il dolore tra i giovani malati negli ospedali? Bhè, la filosofia è più o meno la stessa, ma gli strumenti sono molto più all'avanguardia.

Medicinema, infatti, si propone di costruire sale cinematografiche all’interno di ospedali di eccellenza e realizza programmi di “terapia del sollievo” per persone costrette a lunghe degenze.
In pratica intrattiene i pazienti e le loro famiglie con il cinema e la cultura, cercando di creare un’atmosfera di “normalità” grazie allo spettacolo.
Nel 2014 MEDICINEMA ha ottenuto il patrocinio del Ministero della Salute e da allora si è subito attivata per la costruzione della prima sala cinematografica all'interno di un ospedale italiano.

Sarà al Policlinico Gemelli di Roma la prima sala cinematografica MediCinema Italia, che potrà ospitare oltre 130 persone tra pazienti, familiari, personale sanitario e volontari. 
Ovviamente prevede spazi appositi per chi è sulla sedia a rotelle, ed addirittura anche per chi deve restare disteso sul letto.
I lavori inizieranno proprio questo mese e dovrebbero concludersi a Giugno!
Render Medicinema - Tutti i diritti riservati

La prima società a credere nel progetto di portare la magia dell'entertainment negli ospedali e per aver supportato questo sogno attraverso una sostanziosa donazione ed un notevole sforzo di comunicazione aziendale, è stata THE WALT DISNEY COMPANY ITALIA (e chi se non lei!).
Disney infatti è l'azienda che per eccellenza si concentra sul portare speranza, felicità e un po' di magia ai bambini e alle famiglie in difficoltà andando a rafforzare così il suo lato benefico oltre che di semplice intrattenimento.

Ed infatti ho conosciuto la Onlus proprio all'anteprima di Cenerentola quando, prima dell'inizio del film, hanno proiettato lo spot dell'associazione, girato (niente poco di meno che) dal regista Premio Oscar Giuseppe Tornatore.

Eccolo qui!

video

Sul sito www.medicinema-italia.org potete scoprire come sostenere MediCinema Italia e contribuire a portare intrattenimento, sollievo e sorrisi negli ospedali italiani.

E concludo con la frase di Kim, un piccolo paziente inglese: "Scendere a vedere un film con Medicinema è meglio di qualsiasi antidolorifico".
Ed io, essendo una mamma, non posso non commuovermi a queste parole...

giovedì 19 febbraio 2015

Una Serata Da Favola: L'Anteprima di Cenerentola

Eccomi qui... ancora un po' intontita da tutte le luci, i bagliori, i flash, le celebrità, i fotografi e l'atmosfera fiabesca dell'anteprima di ieri.
Per una mamma che è abituata ad una routine che prevede: scuola del figlio, supermercato, piscina, riposino, giochi infantili, bagnetto, pappa e nanna... è stato come entrare in un'altra dimensione! 

Per una sera mi sono sentita davvero come Cenerentola... ci mancava che mi venissero a prendere con la carrozza e sarebbe stata davvero una favola! :)

Volete ripercorrere con me il primo invito ufficiale di CosmoMum ad un evento mondano? (e che evento!)

Da perfetta Cosmogirl, i preparativi sono stati fondamentali.
La baby sitter che è arrivata alle 15 per stare con mio figlio, mi ha permesso di riposare un po', di farmi una doccia rilassante ed allisciarmi i capelli (chi mi conosce sa che lo faccio solo nelle occasioni speciali), di mettermi lo smalto (oddio da quanto tempo!), e ovviamente di depilarmi... ma addirittura ho avuto pure il tempo di andare al centro estetico sotto casa per un massaggio rilassante! 
Era la MIA giornata e volevo godermela tutta! :)

CosmoConsiglio: per una serata speciale, che sia anche solo una cena romantica con vostro marito, concedetevi il lusso di un pomeriggio di preparativi e cure di bellezza... non solo ve lo meritate, ma arriverete alla serata molto più belle e cariche!

Poi sono arrivata al momento cruciale della scelta del vestito
La maggior parte di voi ha votato l'opzione 3 e 6, quindi colori chiari (rosa e verde acqua) e tagli molto particolari. In effetti avete scelto i vestiti che anch'io amo di più in generale, ma forse per questa occasione ho pensato fossero meno adatti.
Seduta sul letto, guardando tutte le alternative, ho pensato che l'obiettivo principale per me era: essere comoda e sentirmi a mio agio. Non volevo ritrovarmi ad aggiustare o allungare il vestito ogni 5 minuti e soprattutto volevo poter respirare e non costringere la mia piccola ad una serata stressante per entrambe.

CosmoConsiglio: indossate sempre ciò che fa star bene VOI. Chiedere consigli fa comunque bene e vi può aiutare, ma alla fine l'ultima decisione deve essere dettata dal vostro istinto e dai vostri ragionamenti personali, che solo voi conoscete.

Dopo la conferenza stampa, dove la protagonista Lily James ha indossato un abito rosso di Gucci, mi sono fatta convincere dal colore che, unito alla comodità dell'abito, mi hanno fatto optare per la scelta numero 1.
E' sicuramente un abito più serio e sobrio degli altri, da "pretty woman" che abbandona i panni della ragazzina, da donna incinta, mamma e moglie quale sono, elegante ma con gusto. (Ovviamente non vi nascondo che non vedo l'ora di ritornare nella mia forma fisica per poter indossare tutti gli altri alla prima occasione!) 

Eccomi qui, davanti il photocall! Ero un po'... emozionata... ingessata! :)



Fuori al cinema tanta gente in attesa di vedere il cast e i VIP's invitati all'evento e un lungo blue carpet (il classico rosso è stato sostituito dal blu in richiamo all'abito di Cenerentola) che terminava con una teca contenente la famosa scarpetta di cristallo!



Piano piano arrivavano gli invitati e, tra tanta gente comune, guardate chi c'era!








E infine, per ultimi, sono arrivati gli attori ed il regista.





Lei molto carina, ma il vestito... mmmm... non mi convinceva, siete d'accordo?

Alle 19:45 è iniziato il cocktail di benvenuto, un business cocktail per essere precisi,  dove i 400 invitati erano solo partner commerciali, blogger e vip's. 
In quel momento sono stata felice della scelta del mio vestito... ero perfettamente a mio agio e il rosso spiccava tantissimo in mezzo alla gente!

Ho mangiato divinamente da un buffet super particolare e scenografico fatto di spiedini di capesante con una salsa agrodolce e ripassati nell'azoto liquido, palline di formaggio caprino con petali di rose (commestibili), tartine di foie gras con granella di pistacchi, mini lasagnette, dolci di tutti i tipi... insomma da leccarsi i baffi!




La sala dell'Odeon scelta per il buffet era meravigliosa...un vero e proprio teatro si potrebbe dire.


Alle 21 abbiamo preso posto e l'Amministratore Delegato della Walt Disney Company Italia, Daniel Frigo, ha ringraziato ed invitato gli attori ed il regista sul palco per un breve saluto.


Una piccola parentesi è stata dedicata a MEDICINEMA, una Onlus che porta il cinema negli ospedali, per regalare ai pazienti dei momenti di svago e divertimento. L'ho trovata un'iniziativa favolosa e ve ne parlerò nel dettaglio in uno dei prossimi post.

Verso le 21:30 è iniziata la proiezione e posso solo dirvi che film migliore non poteva essere realizzato
Dover rimanere fedele ad un classico cartone animato, ma adattarlo alla versione live action (con attori e scenografie vere) non è proprio facile, ma il regista Kennet Branagh ci è riuscito alla perfezione!

Gli effetti speciali della zucca che si trasforma in carrozza, della papera che diventa cocchiere, dei topini cavalli e delle lucertole fantini... una meraviglia!

Magistrale interpretazione della matrigna cattiva da parte di Cate Blanchett; piccola parte, ma assolutamente esilarante, per Helena Bonham Carter nel ruolo della amorevole, buffa e provvidenziale fata madrina; perfetto nel suo ruolo da principe azzurro, il protagonista Richard Madden ed infine nel ruolo di Ella (Cenerentola) la dolcissima Lily James che si è concentrata sull'animo gentile del personaggio.

Il cuore della storia infatti, risiede nel leitmotiv "sii gentile ed abbi coraggio": tutto ruota intorno alla forza di Ella che, nonostante viva esperienze tremende provocate dalla matrigna e dalle sorellastre, riesce a mantenere la sua bontà, la sua purezza ed il suo ottimismo.

Come sempre Disney si fa portavoce di messaggi benevoli e positivi, in linea con tutta la sua filosofia del credere nella magia, del non smettere mai di sognare, del vivere donando sempre amore e gentilezza agli altri.

Allora... siete pronti ad andare al cinema il 12 Marzo?
SAVE THE DATE perchè, se è vero che il cinema sta perdendo il suo appeal, ci sono certi film che proprio non si possono perdere... e questo è assolutamente uno di quelli!

E nell'attesa che esca il film nelle sale... partecipate al concorso "Look da Favola"... non si sa mai che anche voi potrete essere protagoniste di una favola come quella che ho vissuto io ieri sera!!